italiaradionetwork.it

Se vogliamo ottenere un prestito cambializzato dovremo farne richiesta presso un istituto di credito. Per velocizzare il tutto, possiamo presentarci in sede muniti già dei documenti necessari. Di seguito vedremo cosa ci serve davvero per avviare la pratica di richiesta, in modo tale da essere preparati al meglio. Se invece vogliamo delle informazioni più generiche sui prestiti cambializzati, prima di scegliere se fanno al caso nostro, possiamo consultare il sito internet

La documentazione necessaria per accedere al prestito è semplice da procurare. Il richiedente avrà bisogno di:

 

      Un documento che attesti la sua identità, in corso di validità;

      Il codice fiscale o la tessera sanitaria;

      Se straniero il permesso di soggiorno e la cittadinanza italiana (che deve essere stata emessa almeno 6 mesi prima della richiesta).

Questi documenti attestano l’identità del futuro debitore, che avrà anche bisogno di allegare la giusta documentazione inerente alle sue entrate mensili. Nei prestiti cambializzati in genere si è meno rigidi sulle garanzie necessarie per ottenerlo, tuttavia dovremo comunque far leva su un reddito (seppur minimo, ma costante) che ci permetterà di ripagare il debito. in base al tipo di garanzia che abbiamo scelto, dobbiamo allegare:

      Il contratto di lavoro del richiedente, se questo ne possiede uno, dove c’è indicata la sua posizione e la scadenza della collaborazione;

      Il Tfr maturato (ovvero l’anzianità del soggetto, e la sua liquidazione) fino al momento della richiesta;

      Un certificato di reddito, per chi sprovvisto di una busta paga;

      L’estratto conto che dimostra la regolarità di un’entrata fissa (per esempio il denaro percepito se abbiamo una casa in affitto);

      I documenti inerenti a un oggetto di valore o un immobile che intendiamo porre come pegno;

      I documenti identificativi di un eventuale garante, ovvero qualcuno che possa fornire alla banca le giuste garanzie economiche in nostro favore, e che si farà carico del debito se non riusciamo più a saldarlo.

Come già detto non dovremo presentare tutti questi documenti, solo quelli inerenti al tipo di garanzia che abbiamo deciso di sfruttare. La banca eseguirà in seguito dei controlli per affermarne l’autenticità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *