italiaradionetwork.it

Il mini prestito come puoi intuire dalla parola stessa, indica una somma di denaro ricevuta in prestito da un’istituto finanziario.
Questo particolare tipo di finanziamento si scopre molto utile per ricevere piccole somme in modo semplice e veloce.
Infatti il tempo burocratico per tale operazione è molto inferiore rispetto ad un prestito standard e questo permette alle persone richiedenti di ottenere piccole cifre in tempi brevi.Che cos’è un mini prestito?
Il mini prestito è un finanziamento che si può ottenere in tempi brevi e va da una cifra di 1000 euro fino a 10000.
Per richiedere una somma di denaro è necessario prima fare richiesta, presentando i seguenti documenti:
-Carta d’identità
-Codice fiscale
-Busta paga

Quali tipologie di mini prestito esistono?

Come ben spiegato alla pagina  http://www.guidaprestitiveloci.it , le tipologie di mini prestito si dividono in 3 tipi:

-Carte revolving: Accedere a un prestito con questa categoria è molto facile e veloce, ma di contro ha che gli interessi sono più alti

-Prestito cambializzato:Viene utilizzato con i cattivi pagatori per recuperare il credito qualora il richiedente del prestito non dovesse restituire il debito

-Cessione del quinto dello stipendio:Solitamente è la preferita dalle persone poiché il prestito viene ripagato cedendo un quinto dello stipendio, mese dopo mese.

Come ottenere un mini prestito?
Per ottenere il mini prestito occorre semplicemente presentare la documentazione citata in precedenza e attendere che la pratica sia approvata.
Generalmente in un’ora si ha il responso dall’Istituto di credito e qualora fosse positivo, in poco tempo hai trovato la cifra di cui necessiti.

A chi richiedere un mini prestito?
Il mini prestito può essere richiesto online e nei punti fisici di tutti quegli istituti di credito che fanno finanziamenti.
Anche le Poste Italiane offrono questo servizio.

mini prestito per protestati?
Anche i protestati possono richiedere un mini prestito e ottenerlo presentando la documentazione standard.
L’unica limitazione, riguarda la cifra che può essere richiesta.
Infatti, la banca o l’Istituto di Credito, per tutelarsi non investe più di 5000 euro, insomma la cifra massima erogabile viene dimezzata rispetto a un buon pagatore.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *